Escursioni sull’Etna

Il vulcano più importante d’Europa, centro turistico e fulcro di storia

Il territorio del vulcano è suddiviso in ambienti differenti per morfologia e tipologia. Coltivato fino ai mille metri s.l.m. e fortemente urbanizzato sui versanti est e sud si presenta selvaggio e brullo soprattutto dal lato ovest dove dai mille metri in poi predominano le “sciare”, specie nella zona di Bronte. Poco urbanizzato, ma di aspetto più dolce il versante nord con il predominio dei boschi al di sopra di Linguaglossa. Il versante est è dominato dall’aspetto inquietante della Valle del Bove sui margini della quale si inerpicano i fitti boschi. Al di sopra dei 1000 m, in inverno, è presente la neve che spesso dura fin quasi all’estate. Questa è raggiungibile agevolmente dai versanti sud e nord. Di conseguenza sull’Etna si trovavano anche due stazioni sciistiche la cui particolarità è quella di poter sciare sulla neve potendo osservare il mare. Da quella Sud del Rifugio Sapienza, nel territorio di Nicolosi, è possibile ammirare tutto il golfo di Catania e la valle del Simeto. Nelle piste a Nord, quelle di Piano Provenzana in territorio di Linguaglossa, lo scenario che si apre d’innanzi comprende Taormina e le coste della Calabria. Le piste di Nicolosi sono state danneggiate dall’eruzione dell’estate del 2001, quando una colata lavica ha distrutto la stazione d’arrivo della funivia ed il centro servizi passando a pochi metri dallo stesso “Rifugio Sapienza”. Le piste di Piano Provenzana sono state colpite dalla colata dell’Autunno del 2002.


Visualizzazione ingrandita della mappa