Ustica

Una delle isole più affascinanti del Mar Tirreno

Ustica è un’isola splendida per l’ambiente, la storia, l’archeologia e per la sua gente. La sua struttura geologica è identica a quelle delle isole Eolie: si presenta come una rocca verdeggiante, con coste ripide e selvagge.

Il suo punto più alto è il monte Guardia dei Turchi, l’isola è ben collegata a Palermo da un servizio di aliscafi. Le sue acque sono limpide e pescose e i suoi ricchi fondali sono meta ricercatissima di appassionati degli sport subacquei. Il paese discende verso il mare con pittoresche case,alcune delle quali ornate di murales dipinti da celebri artisti contemporanei. L’isola di Ustica è una riserva naturale, costituita per proteggere l’area marina, tutelando e valorizzando il ripopolamento ittico della zona.

L’isola di Ustica inizialmente fu abitata dai Fenici mentre successivamente i Greci gli diedero il nome di Osteodes, cioè ossario, a ricordo dei 6000 Cartaginesi lasciati morire sull’isola. Negli anni successivi quando venne conquistata dai Romani essi la battezzarono con il nome Ustica ( utum = bruciato) per ricordare proprio le caratteristiche scogliere di colore nero; in seguito passo nella mani dei Saraceni, Normanni e Borboni.

Nell’isola di Ustica potrete trovare i resti di sepolcri fenici cartaginesi; la famosa Fortezza della Falconiera nata per difendere il territorio dando ai soldati la possibilità di avere un punto strategico dove nascondersi per sferrare poi degli attacchi improvvisi; infine anche l’importante museo archeologico ed etno-antropologico.


Visualizzazione ingrandita della mappa